Accedi ai servizi
Regione del Veneto
 

Nel Bosco con l'Autore: UN NOME DA STELLA

Nel Bosco con l'Autore 7 Edizione - POESIA E PERFORMANCE SONORA - Localita' Angelo di Monte Summano sabato 14 settembre 2019 ore 16.00 incontro e passeggiata con la poetessa Manuela Cerisara e lettura itinerante di "Un nome da stella" con performance sonora di Gastone Bortoloso.

Partenza dalla Birreria Vecchia di Piovene Rocchette alle ore 16:00.

In caso di maletmpo la manifestazione si svolgera' alle ore 17.00 nella Sala Conferenze di Piazza degli Alpini.

Locandina

L'appuntamento “Nel Bosco con l'Autore”, promosso dall'Assessorato alla Cultura di Piovene Rocchette (VI) in collaborazione con il sito di informazione e promozione culturale Apuntozeta.name/Linguaggi dall'Alto Vicentino e il GAM, Gruppo Amici Montagna sezione di Piovene Rocchette, inaugurato nel 2012 con il poeta Roberto Cogo,
nel 2019, dopo aver ospitato Enio Sartori (2013), Angelo Urbani (2014), Stefano Guglielmin e Giuseppe Dal Bianco (2015), Ida Travi e Toni Moretti (2016), Mauro Dal Fior (2018), ci vedra' in compagnia della poetessa scledense Manuela Cerisara e del musicista piovenese Gastone Bortoloso.
Chi ha avuto modo di partecipare alle scorse edizioni sa che l'appuntamento “Nel Bosco con l'Autore” riserva sempre al pubblico delle sorprese. In questa 7a Edizione il programma prevede la lettura itinerante della raccolta poetica di Manuela Cerisara “Un nome da stella” (Quaderni Apuntozeta Edizioni) e la performance sonora alla tromba di Gastone Bortoloso. La passeggiata sara' un momento di ascolto a 360° avvolti dalla bellezza della natura
boschiva del Monte Summano. Si trattera' di immergersi e di 'attraversare' un inedito dialogo 'polisonoro' al quale parteciperanno la parola poetica, la libera espressione del suono strumentale, le voci concrete della natura (e del pubblico), gli intervalli di silenzio durante il percorso. Il connubio tra questi elementi ci indurra' a rimanere vigili,
ad affinare la percezione, in una condizione protratta di sospensioni, di inviti, di attese, di aperture.
La parola poetica di Manuela Cerisara ci guidera' discretamente in un'intima rivelazione di piccoli fatti, di piccole osservazioni, di piccole cose 'giuste', di piccoli 'miracoli' della parola, che sembreranno voler riscattare il quotidiano, con la loro luminosa purezza, con il loro essere 'giusta misura', felice 'eccezione' del pensiero, dalla volgarita', dal dolore, dalla tracotanza, dalla violenza, dall'ingiustizia, dall'invadenza dei lati oscuri dell'esistere.
D'altro canto, i contrappunti sonori, gli improvvisi inaspettati inauditi 'squarci', -sarebbe improprio, in questo caso, definirli 'squilli'- della tromba di Gastone Bortoloso, saranno come 'tagli', 'gesti sonori', 'ombre fatte di suono', 'echi di voci paniche', elementi primordiali, ri-velazioni, sentieri accennati e indizi sospesi su territori ancora misteriosi,
inesplorati, puri, del linguaggio e dell'espressione umana.

Armando Bertollo

MANUELA CERISARA nasce a Schio nel 1965. Dopo la Maturita' Scientifica e Magistrale, nel 1991 si Laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l'Università “Ca' Foscari” di Venezia, con la Tesi dal titolo: “Womanhood in literature; representative criticism”, (“La femminilita' in letteratura; esempi di critica letteraria”. Scrive dal 2003. Ha pubblicato: “Nato altrove” (Edizione autoprodotta, 2015); e per le Edizioni Quaderni Apuntozeta “Un nome da Stella” (2017). La sua poesia e' presente sul sito Apuntozeta.name/Linguaggi dall'Alto Vicentino e nel blog di Stefano Guglielmin “Blanc de ta nuque. Uno sguardo (dalla rete) sulla poesia italiana contemporarea” introdotta da un testo di Sergio Zanone. Vive a Schio dove svolge la professione di Insegnante.

Scrive Silvia Comoglio su “Un nome da stella”: “Una raccolta con una identita' forte che sa essere e farsi stupore ad ogni parola. Una parola ascoltata e amata da chi l'ha cercata e voluta per inciderla sulla carta, una parola 'annunciante' per il modo in cui la parola sa venirti incontro, in tutta la sua estensione/esteriorita' e in tutta la sua densita'/interiorita' (…) C'e' nella parola di Manuela un'apertura e un codice interiore che sa imprimersi nella durezza dello spazio e nell'impalpabilita' del tempo in modo dirompente.

GASTONE BORTOLOSO nasce a Thiene (VI) nel 1964. Trombettista, arrangiatore, band-leader. Diplomato presso il Conservatorio “F.E. Dall'Abaco” di Verona e in Musica Jazz presso il Conservatorio Statale di Musica “F.A. Bonporti” di Trento, sotto la guida del Maestro Franco D'Andrea. Compie studi di perfezionamento a Milano, Roma, Siena, New York. Ha fatto parte dell'Orchestra di Palcoscenico dell'Ente Lirico “Arena di Verona”; ha lavorato come prima tromba solista in numerose formazioni in Italia e all'estero tra cui: O.F.P. Orchestra (Bologna), Blue Swing Big Band (Gorizia), VR Improviser Jazz Orchestra (Verona), Gershwin Jazz Orchestra (Padova). Ha collaborato con numerosi musicisti tra cui Carla Blay, Steve Swallow, John Warren, John Surman, Cecil M. Abene. Nel campo della musica leggera, ha lavorato in varie formazioni partecipando anche a trasmissioni televisive. Attualmente insegna presso la Scuola di Musica Jazz “G. Gershwin” (Padova); e' alla Direzione della GB BIG BAND e della “C.A.M.”, Orchestra della Civica Associazione Musicale di Piovene Rocchette (VI). Ha pubblicato “TROMBA-SORDINE-EFFETTI-MANUTENZIONE” Ed. Volonte' & Co, 2018. La piu' recente incisione e' “NEW ORLEANS NIGHT” (Dist. IRD MILANO, 2018). Vive a Piovene R. (VI).